Case vacanze e B&B a Roma. Scegli il tuo alloggio e richiedi la disponibilità

Trastevere, con i suoi vicoli ed i suoi monumenti, è un piccolo paese in una grande città.

logotrastevere


Durante il giorno non sembra di trovarsi in una metropoli, infatti le persone, con i loro ritmi lenti e rilassati, sono cordiali e serene.
La vita gira attorno alle abitudini di una volta come la spesa al mercato, le discussioni sui risultati sportivi e le partite a carte che si giocano nei tavolini dei bar...più o meno quello che si faceva nel 1800 quando anzichè della rivalità tra squadre di calcio c'era quella tra rioni, ed al posto delle partite di calcio c'erano le sassaiole.


 


Proprio nel XIX secolo Trastevere visse il suo definitivo sviluppo, e già durante quel periodo era caratterizzata dalla vivacità che si poteva respirare tra vicoli, bar e osterie.

E’ durante l’orario di chiusura degli uffici che il rione vive la sua prima grande trasformazione.
Agli abitanti del quartiere si aggiungono tutti quelli che, dopo aver lavorato, scelgono Trastevere come cornice speciale per un aperitivo.
E nelle ore successive le strade si animano con migliaia di persone che scelgono di passare la serata camminando e fermandosi di tanto in tanto in uno dei pub, bar, negozi, gelaterie, ristoranti aperti fino a tarda notte.
 

  

Tutto questo tra i vicoli romani, medioevali, barocchi, papalini e rinascimentali, e tra capolavori architettonici di Bernini, Bramante ecc… E’ uno dei quartieri di Roma ideali per una vacanza. Si trova in pieno centro ed è un quartiere collegato al resto della città da un’importante ed utile linea di tram, una serie di autobus, ed una stazione dei treni.

 

E’ una zona tranquilla durante la mattina, e vivace durante la sera, ma mai troppo chiassosa, perché la vita si svolge per le strade e tra i tavolini dei bar, ma non ci sono discoteche o locali dove la musica è rumorosa fino a tarda notte.
Il centro della movida può essere identificato nella zona compresa tra Piazza Trilussa e la celebre Via della Scala, cantata anche da Stefano Rosso.  

Il rione è dominato dal Gianicolo, uno dei colli di Roma da cui si può apprezzare uno dei panorami più belli del mondo, e da cui si può sentire ogni giorno alle 12:00, lo sparo (a salve) del cannone pensato da Papa Pio IX nel 1847 per sincronizzare le campane dalle chiese di Roma, e può essere udito da tutte le zone centrali di Roma.

 

Foto di Fabiana de Rossi, Pino d'Amico e Francesco Belsito